Login

Register

Login

Register

Sito web realizzato con il contributo della Regione Lazio
Sito web realizzato con il contributo della Regione Lazio

IN EVIDENZA
SOCIAL
Manifestolibri
Manifestolibri
In questi casi, generalmente significa che il proprietario ha condiviso il contenuto solo con un gruppo ristretto di persone, ha modificato chi può vederlo oppure lo ha eliminato.
Manifestolibri
Manifestolibri
Una lettura di Lelio La Porta che ringraziamo sul il manifesto dell’ultimo libro di
Alfonso Maurizio Iacono
Socrate a cavallo di un bastone
manifestolibri 2022

Il platonico mito della caverna è usato, nella didattica, per rendere comprensibile il processo che dalla pura conoscenza sensibile (le ombre proiettate sul fondo della caverna ritenute la realtà dal prigioniero incatenato che non può voltarsi per vedere la vera origine della luce) conduce alla conoscenza razionale, costituita dalle idee, alla quale si perviene attraverso un processo di liberazione dalle catene dell’apparenza; il prigioniero, liberatosi non si sa bene come, dai vincoli che lo costringevano con il volto rivolto al fondo della caverna, dopo un peregrinare riassumibile nel latino «per aspera ad astra», raggiunge la visione del sommo bene.

COMPITO ARDUO per l’uomo libero è tornare fra coloro che ancora sono prigionieri e raccontare che ha visto il bene ma a costo del superamento di molteplici difficoltà. Pur di rimanere nel loro stato servile, di ignoranza, gli incatenati non credono al racconto dell’uomo nuovo e quasi sono pronti ad eliminarlo.

Alfonso Maurizio Iacono, nel suo Socrate a cavallo di un bastone, I bambini, il gioco, i mondi intermedi e la messa in scena come pratica della verità (manifestolibri, pp. 165, euro 16), commenta il mito platonico sostenendo che non è tanto la scoperta della luce del sole, il sommo bene, a costituire la verità dell’uomo liberato quanto l’aver fatto esperienza di un mondo diverso e di essere, perciò, in grado di «comparare due mondi». In lui, quindi, secondo Iacono, la consapevolezza di essere stato prigioniero deriva dalla scoperta di un mondo altro, ossia dall’acquisizione del fatto che quello in cui viveva da incatenato «riteneva essere l’unico mondo possibile».

IL MONDO ALTRO è il mondo intermedio, cioè il mondo diverso da quello in cui si vive e nasce dall’imitazione del mondo reale e, proprio in virtù di tale imitazione, da esso si differenzia. Si tratta della situazione paradigmaticamente evocata dal titolo del lavoro di Iacono. Socrate cavalca il bastone per far divertire i suoi bambini e non arrossisce di vergogna per il fatto di sperimentare un mondo altro rispetto al suo, appunto il mondo dei bambini. Questi ultimi, vedendo Socrate e consapevoli del fatto che non sta cavalcando un cavallo, bensì un bastone, che sostituisce il quadrupede, capiscono che, mettendosi d’accordo, il bastone può diventare un cavallo. Il filosofo ateniese si proietta nel mondo dei bambini imitando il mondo adulto.

COSA ACCADE dalla parte dei bambini? Prendendo come referente visivo un quadro di Welti (pittore svizzero morto nel 1912 e amico di Hermann Hesse), La casa dei sogni, in cui alla solitudine dei grandi fa da contrappeso il gioco dei bambini, Iacono sottolinea che la bambina che gioca con la bambola e il bambino che gioca con un cavallino di legno stanno apprendendo la costruzione di mondi intermedi. Il loro è un gioco di sostituzione: la bambina interpreta, imita, sostituisce il ruolo della mamma «stando al suo posto»; lo stesso fa il bambino sostituendo, imitando, interpretando il padre nel ruolo di cavaliere. Entrambi svolgono un apprendissaggio del mondo adulto trasformandolo mentre lo imitano. Eppure nella loro imitazione c’è la realtà del mondo adulto in quanto la bambina, pur restando bambina, «fa la mamma», e il bambino, imitando il padre a cavallo, non è un falso cavaliere, ma è un «attore che sta recitando».

Il viaggio a cui Iacono invita le lettrici e i lettori alla scoperta dei mondi intermedi, meglio ancora, del significato dei mondi intermedi per il gioco tocca diversi autori (oltre a Platone è centrale nell’elaborazione dell’autore la presenza di Bateson); eppure non sembri essere troppo peregrina l’idea che negli interstizi del ragionamento di Iacono ci sia una presenza molto più consistente di quanto possa apparire, quasi un convitato di pietra che si fa notare per il suo non detto: Pirandello. Il rapporto finzione-realtà, ricondotto al gioco, non ricorda lo stesso nesso centrale nell’opera del drammaturgo siciliano?

D’ALTRONDE proprio l’autore, in apertura del suo lavoro, fa riferimento al Premio Nobel del 1934 quando richiama l’affermazione secondo la quale «il comico è l’avvertenza del contrario». Inoltre, come faceva presente il Gramsci cronista teatrale, «c’è nelle sue commedie uno sforzo di pensiero astratto che tende a concretarsi sempre in rappresentazione»: è forse quello che accade quando chi cavalca il bastone sta mettendo in scena una pratica che rappresenta la realtà? Il gioco fra la finzione e la realtà nel mondo intermedio.
Manifestolibri
Manifestolibri
Il 1 febbraio 1945 venne emanato il decreto legislativo luogotenenziale n. 23 che conferiva il diritto di voto alle italiane che avessero almeno 21 anni.
Il decreto Bonomi tuttavia non faceva menzione dell'elettorato passivo: cioè della possibilità, per le donne, di essere votate. L'11 febbraio 1945 l'UDI (Unione donne italiane) compose un telegramma per Bonomi nel quale si richiedeva di sancire anche l'eleggibilità delle donne. Dovette trascorrere poco più di un anno prima che esse venissero accontentate e potessero godere dell'eleggibilità che veniva conferita alle italiane di almeno 25 anni dal decreto n. 74 datato 10 marzo 1946: da questa data in poi le donne potevano considerarsi cittadine con pieni diritti.
Manifestolibri
Manifestolibri
Lelio La Porta su
Maurizio A. Iacono
Socrate a cavallo di un bastone
manifestolibri 2022

Il significato dei mondi intermedi per il gioco e la ricerca della verità
Il significato dei mondi intermedi per il gioco e la ricerca della verità
"Haus der Träume" (La casa dei sogni) di Albert Welti, 1897
SCAFFALE. «Socrate a cavallo di un bastone. I bambini, il gioco, i mondi intermedi e la messa in scena come pratica della verità» di Alfonso Maurizio Iacono, per manifestolibri
Pubblicato 2 giorni fa
Edizione del 31 gennaio 2023
Manifesto Libri ti ha regalato questo articolo.

Per leggere questo articolo su tutti i dispositivi, iscriviti al manifesto. Potrai leggere gratis per sempre altri 3 articoli a tua scelta ogni 7 giorni.

Registrati
Lelio La Porta
Il platonico mito della caverna è usato, nella didattica, per rendere comprensibile il processo che dalla pura conoscenza sensibile (le ombre proiettate sul fondo della caverna ritenute la realtà dal prigioniero incatenato che non può voltarsi per vedere la vera origine della luce) conduce alla conoscenza razionale, costituita dalle idee, alla quale si perviene attraverso un processo di liberazione dalle catene dell’apparenza; il prigioniero, liberatosi non si sa bene come, dai vincoli che lo costringevano con il volto rivolto al fondo della caverna, dopo un peregrinare riassumibile nel latino «per aspera ad astra», raggiunge la visione del sommo bene.

COMPITO ARDUO per l’uomo libero è tornare fra coloro che ancora sono prigionieri e raccontare che ha visto il bene ma a costo del superamento di molteplici difficoltà. Pur di rimanere nel loro stato servile, di ignoranza, gli incatenati non credono al racconto dell’uomo nuovo e quasi sono pronti ad eliminarlo.

Alfonso Maurizio Iacono, nel suo Socrate a cavallo di un bastone, I bambini, il gioco, i mondi intermedi e la messa in scena come pratica della verità (manifestolibri, pp. 165, euro 16), commenta il mito platonico sostenendo che non è tanto la scoperta della luce del sole, il sommo bene, a costituire la verità dell’uomo liberato quanto l’aver fatto esperienza di un mondo diverso e di essere, perciò, in grado di «comparare due mondi». In lui, quindi, secondo Iacono, la consapevolezza di essere stato prigioniero deriva dalla scoperta di un mondo altro, ossia dall’acquisizione del fatto che quello in cui viveva da incatenato «riteneva essere l’unico mondo possibile».

IL MONDO ALTRO è il mondo intermedio, cioè il mondo diverso da quello in cui si vive e nasce dall’imitazione del mondo reale e, proprio in virtù di tale imitazione, da esso si differenzia. Si tratta della situazione paradigmaticamente evocata dal titolo del lavoro di Iacono. Socrate cavalca il bastone per far divertire i suoi bambini e non arrossisce di vergogna per il fatto di sperimentare un mondo altro rispetto al suo, appunto il mondo dei bambini. Questi ultimi, vedendo Socrate e consapevoli del fatto che non sta cavalcando un cavallo, bensì un bastone, che sostituisce il quadrupede, capiscono che, mettendosi d’accordo, il bastone può diventare un cavallo. Il filosofo ateniese si proietta nel mondo dei bambini imitando il mondo adulto.

COSA ACCADE dalla parte dei bambini? Prendendo come referente visivo un quadro di Welti (pittore svizzero morto nel 1912 e amico di Hermann Hesse), La casa dei sogni, in cui alla solitudine dei grandi fa da contrappeso il gioco dei bambini, Iacono sottolinea che la bambina che gioca con la bambola e il bambino che gioca con un cavallino di legno stanno apprendendo la costruzione di mondi intermedi. Il loro è un gioco di sostituzione: la bambina interpreta, imita, sostituisce il ruolo della mamma «stando al suo posto»; lo stesso fa il bambino sostituendo, imitando, interpretando il padre nel ruolo di cavaliere. Entrambi svolgono un apprendissaggio del mondo adulto trasformandolo mentre lo imitano. Eppure nella loro imitazione c’è la realtà del mondo adulto in quanto la bambina, pur restando bambina, «fa la mamma», e il bambino, imitando il padre a cavallo, non è un falso cavaliere, ma è un «attore che sta recitando».

Il viaggio a cui Iacono invita le lettrici e i lettori alla scoperta dei mondi intermedi, meglio ancora, del significato dei mondi intermedi per il gioco tocca diversi autori (oltre a Platone è centrale nell’elaborazione dell’autore la presenza di Bateson); eppure non sembri essere troppo peregrina l’idea che negli interstizi del ragionamento di Iacono ci sia una presenza molto più consistente di quanto possa apparire, quasi un convitato di pietra che si fa notare per il suo non detto: Pirandello. Il rapporto finzione-realtà, ricondotto al gioco, non ricorda lo stesso nesso centrale nell’opera del drammaturgo siciliano?

D’ALTRONDE proprio l’autore, in apertura del suo lavoro, fa riferimento al Premio Nobel del 1934 quando richiama l’affermazione secondo la quale «il comico è l’avvertenza del contrario». Inoltre, come faceva presente il Gramsci cronista teatrale, «c’è nelle sue commedie uno sforzo di pensiero astratto che tende a concretarsi sempre in rappresentazione»: è forse quello che accade quando chi cavalca il bastone sta mettendo in scena una pratica che rappresenta la realtà? Il gioco fra la finzione e la realtà nel mondo intermedio.

Pubblicato 2 giorni fa
Edizione del 31 gennaio 2023
Leggi e diffondi

Regala questo articolo
Manifesto Libri ti ha regalato questo articolo.

Per leggere questo articolo su tutti i dispositivi, iscriviti al manifesto. Potrai leggere gratis per sempre altri 3 articoli a tua scelta ogni 7 giorni.

Registrati
Siamo lenti. Quando il mondo è nero vive bene chi legge rosso.
Abbonati

Il manifesto del manifesto - i nostri valori, la nostra storia

il manifesto/il significato dei mondi intermedi per il gioco e la ricerca della verità
IL MIO MANIFESTOAbbonatiAccedi
INFO
Newsletter
Tariffe
Abbonamenti
La membership del manifesto
Come funziona questo sito
Termini e condizioni
Privacy
Cookie
NOTIZIE
Editoriale
Commenti
Politica
Internazionale
Europa
Italia
Lavoro
Economia
Scuola
Cultura
Visioni
Sport
Rubriche
Appelli
INSERTI
Alias
Alias Domenica
ExtraTerrestre
Le Monde Diplomatique
IL MANIFESTO
Gerenza
Store
Abbonamenti
Contatti
IL QUOTIDIANO
Edizioni Pdf
Ricerca avanzata
Archivio storico
SOCIAL NETWORK
Facebook
Twitter
Instagram
Pinterest
YouTube
Vimeo
Spreaker
IL COLLETTIVO
MdM il manifesto del manifesto
- cooperativa
- giornale
- piattaforma
- comunità
- impresa
- storia
La membership del manifesto
il Collettivo digitale
Global (English edition)
#ilmanifesto50
- app iOS il manifesto
- app Android il manifesto
- app iOS Diplò Italia
- app Android Diplò Italia
Diritti foto e articoli
Correzioni
© 2023 il nuovo manifesto società coop. editrice
Termini e condizioniCookiePrivacy

Mosca abbandona i cadaveri dei soldati e non risarcisce le famiglie
 
Ancora presunti orrori per “Putin il neozar”
 
#manifestolibri #putinilneozar #guerraucraina https://t.co/1vJ3IkxwFu
manifestolibri photo

Ucraina, Zelensky e la moglie su "Vogue": è polemica
 
Chissà che cosa ne pensa “Putin il neozar”
 
#manifestolibri #putinilneozar #Zelensky https://t.co/sDdR7ksTpt
manifestolibri photo

Arriva la Cassa Integrazione per il caldo: stop al lavoro se si superano i 35 gradi
 
Rinfrescati le giornate leggendo qualcosa dal nostro catalogo che trovi sul sito
 
#manifestolibri #cassaintegrazionepercaldo #catalogo #libri https://t.co/FkMbpHYL0l
manifestolibri photo

Leggere è la migliore difesa contro questa malattia che colpisce sempre più persone sopra i 50 anni (e non è l’ignoranza)
 
Leggi il nostro catalogo, lo trovi sul nostro sito
 
#manfestolibri #leggerelibri #libroterapia
 
https://t.co/Bci5VhtvUT

Il linguista Luca Serianni è morto, ma le sue lezioni così amate dagli studenti non finiranno mai
 
E’ il bello della cultura… che contribuiamo a fare nel nostro piccolo
 
Scopri il nostro catalogo online sul sito
 
#manifestolibri #lucaserianni #linguista #catalogo https://t.co/zinp5ZpwOv
manifestolibri photo

Il linguista Luca Serianni è morto, ma le sue lezioni così amate dagli studenti non finiranno mai
 
E’ ilo bello della cultura… che contribuiamo a fare nel nostro piccolo
 
Scopri il nostro catalogo online sul sito
 
#manifestolibri #lucaserianni #linguista #catalogo https://t.co/DmCuKKZUqe
manifestolibri photo

Conversazioni a Radiotre sui rapporti tra donne e politica, libertà, fraternità, uguaglianza, democrazia, fascismo, resistenza, stato, partito, rivoluzione, femminismo Presentazione di Lidia Campagnano “Così è successo...

LE ALTRE di Rossana Rossanda

Conversazioni a Radiotre sui rapporti tra donne e politica, libertà, fraternità, uguaglianza, democrazia, fascismo, resistenza, stato, partito, rivoluzione, femminismo Presentazione di Lidia Campagnano “Così è successo che dal novembre del 1978 al febbraio del 1979 ho parlato da Radiotre tutti i martedì alle dieci, non senza affanno e con molte incertezze. … Il tema che mi era stato proposto, la donna e la politica, potevo metterlo come volevo. E si poteva mettere in molti modi: chi sono e che...

IDA DOMINIJANNI 2001. UN ARCHIVIO L’11 settembre, la war on terror, la caccia ai virus L’autrice, Ida DOMINIJANNI, è un’amica e collega, ma soprattutto una filosofa, femminista,...

L’11 SETTEMBRE, LA WAR ON TERROR, LA CACCIA AI VIRUS

IDA DOMINIJANNI 2001. UN ARCHIVIO L’11 settembre, la war on terror, la caccia ai virus L’autrice, Ida DOMINIJANNI, è un’amica e collega, ma soprattutto una filosofa, femminista, notista politica ed esperta di Usa che è stata per anni responsabile delle pagine culturali e editorialista del manifesto e ora tra le tante cose, scrive su Internazionale. Un “archivio”, come lo ha giustamente voluto titolare Ida, è un volume intenso necessario e urgente, che ha richiesto una cura estiva speciale nonostante...

La Collana “Spazio Marx” nasce dalla collaborazione tra la manifestolibri e l’associazione che reca lo stesso nome e che ha iniziato le sue attività...
NEWS

LE ALTRE di Rossana Rossanda

Conversazioni a Radiotre sui rapporti tra donne e politica, libertà, fraternità, uguaglianza, democrazia, fascismo, resistenza, stato, partito, rivoluzione, femminismo Presentazione di Lidia Campagnano “Così è successo che dal novembre del 1978 al febbraio del 1979 ho parlato da Radiotre tutti i martedì alle dieci, non senza affanno e con molte incertezze. … Il tema che mi era stato proposto, la donna e la politica, potevo metterlo come volevo. E si poteva mettere in molti modi: […]




L’11 SETTEMBRE, LA WAR ON TERROR, LA CACCIA AI VIRUS

IDA DOMINIJANNI 2001. UN ARCHIVIO L’11 settembre, la war on terror, la caccia ai virus L’autrice, Ida DOMINIJANNI, è un’amica e collega, ma soprattutto una filosofa, femminista, notista politica ed esperta di Usa che è stata per anni responsabile delle pagine culturali e editorialista del manifesto e ora tra le tante cose, scrive su Internazionale. Un “archivio”, come lo ha giustamente voluto titolare Ida, è un volume intenso necessario e urgente, che ha richiesto una […]




Collana Spazio Marx

La Collana “Spazio Marx” nasce dalla collaborazione tra la manifestolibri e l’associazione che reca lo stesso nome e che ha iniziato le sue attività nel 2018, in occasione del bicentenario della nascita di Karl Marx. La finalità della collana, diretta da Luca Basso, Giorgio Cesarale, Vittorio Morfino e Stefano Petrucciani è quella di valorizzare attraverso studi nuovi e originali la straordinaria ricchezza del pensiero di Marx; per un verso mettendo a frutto le importanti acquisizioni […]

LE ALTRE di Rossana Rossanda

Conversazioni a Radiotre sui rapporti tra donne e politica, libertà, fraternità, uguaglianza, democrazia, fascismo, resistenza, stato, partito, rivoluzione, femminismo Presentazione di Lidia Campagnano “Così è successo che dal novembre del 1978 al febbraio del 1979 ho parlato da Radiotre tutti i martedì alle dieci, non senza affanno e con molte incertezze. … Il tema che mi era stato proposto, la donna e la politica, potevo metterlo come volevo. E si poteva mettere in molti modi: chi sono e che...

L’11 SETTEMBRE, LA WAR ON TERROR, LA CACCIA AI VIRUS

IDA DOMINIJANNI 2001. UN ARCHIVIO L’11 settembre, la war on terror, la caccia ai virus L’autrice, Ida DOMINIJANNI, è un’amica e collega, ma soprattutto una filosofa, femminista, notista politica ed esperta di Usa che è stata per anni responsabile delle pagine culturali e editorialista del manifesto e ora tra le tante cose, scrive su Internazionale. Un “archivio”, come lo ha giustamente voluto titolare Ida, è un volume intenso necessario e urgente, che ha richiesto una cura estiva speciale nonostante...

NEWS

LE ALTRE di Rossana Rossanda

Conversazioni a Radiotre sui rapporti tra donne e politica, libertà, fraternità, uguaglianza, democrazia, fascismo, resistenza, stato, partito, rivoluzione, femminismo Presentazione di Lidia Campagnano “Così è successo che dal novembre del 1978 al febbraio del 1979 ho parlato da Radiotre tutti i martedì alle dieci, non senza affanno e con molte incertezze. … Il tema che mi era stato proposto, la donna e la politica, potevo metterlo come volevo. E si poteva mettere in molti modi: chi sono e che...

L’11 SETTEMBRE, LA WAR ON TERROR, LA CACCIA AI VIRUS

IDA DOMINIJANNI 2001. UN ARCHIVIO L’11 settembre, la war on terror, la caccia ai virus L’autrice, Ida DOMINIJANNI, è un’amica e collega, ma soprattutto una filosofa, femminista, notista politica ed esperta di Usa che è stata per anni responsabile delle pagine culturali e editorialista del manifesto e ora tra le tante cose, scrive su Internazionale. Un “archivio”, come lo ha giustamente voluto titolare Ida, è un volume intenso necessario e urgente, che ha richiesto una cura estiva speciale nonostante...

Collana Spazio Marx

La Collana “Spazio Marx” nasce dalla collaborazione tra la manifestolibri e l’associazione che reca lo stesso nome e che ha iniziato le sue attività nel 2018, in occasione del bicentenario della nascita di Karl Marx. La finalità della collana, diretta da Luca Basso, Giorgio Cesarale, Vittorio Morfino e Stefano Petrucciani è quella di valorizzare attraverso studi nuovi e originali la straordinaria ricchezza del pensiero di Marx; per un verso mettendo a frutto le importanti acquisizioni...

Collana Spazio Marx

La Collana “Spazio Marx” nasce dalla collaborazione tra la manifestolibri e l’associazione che reca lo stesso nome e che ha iniziato le sue attività nel 2018, in occasione del bicentenario della nascita di Karl Marx. La finalità della collana, diretta da Luca Basso, Giorgio Cesarale, Vittorio Morfino e Stefano Petrucciani è quella di valorizzare attraverso studi nuovi e originali la straordinaria ricchezza del pensiero di Marx; per un verso mettendo a frutto le importanti acquisizioni...
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com